Signature Book

Thank you for visiting the exhibition! We would like to know your thoughts and feelings. If you would like to share, please leave a message.

Leave a message

 
 
 
 
 
Fields marked with * are required. Your email address will not be shared or published. We reserve the right to edit, delete, or not publish entries.
44 entries.
Alessia Barbarotto wrote on January 19, 2021 at 12:42 pm:
Gli occhi sono lo specchio dell'anima e queste foto ne sono la prova. I bambini attraverso semplici scatti sono riusciti a raccontare diverse sfumature di una realtà che purtroppo vivono tutti i giorni. Progetti come questo sono fondamentali per mostrare la situazione in cui si trovano migliaia di persone dimenticate dall'Europa, ma non da noi. Consiglierò questo libro il più possibile, in modo da condividere la storia di ogni bambino che ha partecipato alla mostra, di Still I Rise e di Nicolò.
Giulia wrote on January 19, 2021 at 9:42 am:
Amo l'idea di far scattare le foto ai bambini. Attraverso gli occhi dei bambini si percepisce la cruda ma vera libertà. Nonostante siano immagini forti, penso sia necessario mostrarle al mondo per poter far conoscere la vera realtà.
Sergio wrote on January 13, 2021 at 2:33 am:
Queste foto sono molto belle nonostante il contenuto, permettono di capire e prendere visione di un luogo di cui non si parla mai nei media. Mandare avanti questo progetto è importante perchè quelle persone neccessitano di aiuto e grazie a questo progetto la vita di molte persone è migliorata. Nicolò ha tutto il nostro sostegno.
Andrea Vincent wrote on January 12, 2021 at 6:59 pm:
Libro assolutamente necessario e molto bello . La prima parte è una sorta di fiaba dai toni dolci e commovente. La seconda parte invece raccoglie le foto scattate dai bambini di Mazì, la scuola per i bambini profughi fondata in Grecia da Still I Rise di Nicolò Govoni. Tutti i ricavati di questo libro servono per finanziare un'altra scuola della stessa ONG, ma in Siria. Consigliatissimo, perché bisogna conoscere realmente le realtà dei campi profughi, soprattutto di quelli che stanno praticamente al di là del confine del nostro paese. L'organizzazione non è che una delle cose migliore di cui abbia mai sentito parlare. Vedere tutto questo reale impegno è di conforto e aiuta a prendere coscienza di alcune realtà poco conosciute.
E wrote on January 12, 2021 at 4:27 pm:
Voi trasmettete e denunciate la realtà che i media non mostrano, grazie per farci vedere la situazione di queste persone attraverso gli occhi dei bambini, queste foto rappresentano loro e la loro storia.
Valentina Romualdi wrote on January 12, 2021 at 12:53 pm:
Molto toccanti le immagini qui riportate nella mostra che mi hanno permesso di apprendere una cruda realtà diversa dalla nostra. Grazie soprattutto a Nicolò per questo bellissimo progetto e questa testimonianza significativa che mi ha fatto capire e provare in parte, le VERE difficoltà della vita.
Valentina Romualdi wrote on January 12, 2021 at 12:50 pm:
Molto toccanti le foto qui riportate nella mostra che mi hanno permesso di apprendere una cruda realtà diversa dalla nostra. Grazie soprattutto a Nicolò per questo progetto bellissimo e per questa testimonianza significativa che mi ha fatto capire e provare in parte le vere difficoltà della vita.
Gaya wrote on January 12, 2021 at 12:40 pm:
Grazie per la potenza di queste immagini. Per l'immediatezza con cui comunicano gioia, paura, cruda realtà. Per mostrare ciò che non sempre è mostrato dai media, da coloro che dovrebbero informarci. Grazie per usare l'arte della fotografia, lasciare che i veri protagonisti siano coloro che vivono quello che viene mostrato ogni giorno e per costruire insieme a loro un futuro.
Aurora wrote on January 12, 2021 at 12:38 pm:
Queste testimonianze sono preziose. Dovremmo renderci maggiormente conto di ciò che c’è al di fuori delle nostre case e queste foto ne sono un grande esempio. Ciò che diamo per scontato, per altri non lo è. Importante è anche ringraziare persone come voi che “alzano la voce” in un mondo che ha paura di farlo.
Sara wrote on January 12, 2021 at 11:52 am:
Ringrazio Nicolò e Still I Rise per questa testimonianza unica e vera, che segna l'anima. Nella speranza di non voltarsi più dall'altra parte, di non ignorare più un problema che è di tutti, guardo queste immagini e mi rendo conto ancora una volta di essere una ragazza davvero fortunata. Vorrei un mondo e un’Europa più giusti, ma questo in parte è anche compito nostro: condividiamo questi scatti, leggiamo i racconti di Nicolò, riflettiamo e parliamo di questo argomento così ignorato. Diamo voce ad ogni bambino, ad ogni ragazzo; se loro non possono farlo, allora facciamolo noi per loro. Il cambiamento inizia da ogni singolo individuo e Nicolò ce l’ha dimostrato. Attraverso i loro occhi ho visto la realtà disumana a cui migliaia di persone sono costrette ingiustamente a “vivere”. Perché questa non è vita, ma la luce che c’è in loro riaccende comunque la speranza. Mi auguro vivamente che un giorno possano vedere ciò che vedo io con i miei occhi e che possano realizzare tutti i loro sogni. I bambini sono creature ricche e speciali, possono insegnare tanto…anche attraverso delle semplici fotografie. Grazie ad ognuno di loro.
A wrote on January 12, 2021 at 11:07 am:
Grazie a Still I rise tutti potranno conoscere l'ingiustizia che ogni giorno subiscono queste persone.
Monica wrote on January 12, 2021 at 3:41 am:
Grazie a questa mostra ci permettete di apprendere una realtà diversa dalla nostra, che ci fa apprezzare quello che abbiamo e ci fa venir voglia di attuare un cambiamento perché tutti possano avere le stesse opportunità o come si suol dire ultimamente, che tutti possano nascere dalla parte giusta del mondo.
Stefano Agostini wrote on January 12, 2021 at 2:59 am:
veramente foto molto interessanti e significative
Kathleen wrote on December 28, 2020 at 3:27 am:
Estas fotos desgarran... no son ficción, son el día a día de todos ellos. "Somos Uno", ni la tempestad ni el barco son iguales para todos. GRACIAS por hacer que estas imágenes lleguen a nuestros ojos que no quieren ver... y gracias por hacer el día de ellos un poquito más llevadero.
Silvia wrote on December 4, 2020 at 2:41 pm:
Grazie a tutti voi di Still I Rise per il coraggio, l'impegno, la competenza e la speranza con la quale portate avanti il progetto e per la Luce che riaccendete nella vita di questi ragazzi , le guerre purtroppo e l'ignoranza emotiva sono la più grande vergogna della razza umana.
Stefania wrote on December 1, 2020 at 6:33 am:
Wonderful exhibit, so impressive! Thank you
Giulia wrote on November 28, 2020 at 5:54 am:
"We are one"...quest'immagine ha una potenza disarmante e struggente. Caro Zeynab, mi rivogo a te ma potrei rivolgermi alla collettività di bambini che come te si trovano ogni giorno a vivere queste atrocità. Sono una ragazza di 25 anni e sono nata fortunata. Fortunata di avere una casa, un pasto caldo e un posto accogliente in cui dormire. Molte volte ce ne dimentichiamo ma come dici te siamo tutti esseri umani e tutti meritiamo di vivere dignitosamente. Nel mio piccolo cerco ogni giorno di non darlo per scontato ma non è sempre facile. Grazie perché attraverso la fotografia siete riusciti a trasmettere il coraggio e la forza di questi bambini e il loro sorriso meraviglioso, nonostante tutto.
nicoletta wrote on October 14, 2020 at 8:58 am:
Grazie, per dare la possibilità a tutti noi di partecipare e di poter dire al nostro pezzo di mondo, quanto ognuno possa fare la differenza per un cambiamento che sta tardando ad arrivare, ma che voi e questi bambini avete ben stampato negli occhi e nel cuore, e ci mostrate con coraggio e tenacia
silvana wrote on July 15, 2020 at 4:20 pm:
silvana - ricevo la newsletter di Still I rise
Sara wrote on June 10, 2020 at 7:03 am:
Un progetto meraviglioso anche se è uno schiaffo in faccia potentissimo... la cosa che fa più male sono gli sprazzi di normalità (i compiti, la nutella, i giochi) in uno scenario infernale... grazie per dare voce a questi ragazzi.